PROGETTO UNIPASS

Il Bacino Imbrifero Montano dell’Adige (BIM Adige) in coerenza con quanto indicato nella legge istitutiva n.  959 del 27 dicembre 1953, ed in sintonia con il proprio statuto, ha posto quale obiettivo centrale della propria operatività l’attivazione di tutte le iniziative e le incentivazioni idonee a favorire lo sviluppo economico e sociale della montagna veronese.

Il BIM Adige è da tempo impegnato a sviluppare con il progetto “Servizi Permanenti Informativi Comunali” (Ser.P.I.Co.), una azione attiva di sostegno all’informatizzazione territoriale ed amministrativa in collaborazione con la Regione del Veneto, così come espressamente richiesto dai Comuni già convenzionati.

La proficua collaborazione con i consorzi BIM del Veneto ha offerto l’opportunità di avere conoscenza della piattaforma di servizi digitali UNIPASS (Unico Polifunzionale Associato) progettata e realizzata dal consorzio BIM Piave di Treviso con la collaborazione dell’Associazione dei Comuni della Provincia di Treviso ed il Centro Studi della Marca Trevigiana e i principali enti terzi (la Provincia, il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, le Aziende U.L.SS., ecc.).

I risultati già raggiunti dal progetto UNIPASS nella Marca Trevigiana sono indubbiamente positivi ed incoraggianti, ben superiori ad ogni aspettativa:

7.651 utenti registrati e di questi:

  • 613 funzionari comunali – 433 funzionari degli Enti terzi;

159.250 il numero complessivo dei procedimenti per tutti i comuni già settati e fruibili;

  • 275 i procedimenti amministrativi settati per ciascun comune;
  • 883 i procedimenti amministrativi degli enti terzi settati (dimezzati i procedimenti ASL con la nuova ‘notifica sanitaria’);

48378 pratiche gestite fino al 31 luglio 2017 di cui:

  • 22518 SUAP
  • 24230 SUE
  • 1183 Altri Servizi
  • 447 Bandi pubblici

Il successo è conseguente alla scelta di realizzare una soluzione di servizi di rete, integrazione, studio, formazione e non una mera piattaforma informatica avente valenza totalmente pubblica, creata e gestita grazie alla determinante collaborazione di alcuni funzionari comunali, sulla base della loro esperienza professionale accumulata nel tempo nei rispettivi Comuni ed in stretta correlazione con i diversi enti citati.

 

La piattaforma telematica

UNIPASS, accessibile all’indirizzo internet: https://portale.unipass.gov.it, è stato sviluppato considerando gli ambiti amministrativi che già prevedono per norma la gestione telematica obbligatoria delle pratiche amministrative, ovvero gli sportelli dedicati alle attività produttive (SUAP) ed edilizia (SUE). Esso vuole rappresentare lo strumento privilegiato con il quale i Comuni possono dare attuazione, da subito, al processo graduale di trasposizione sul web dell’intero rapporto del cittadino con le amministrazioni pubbliche, anche oltre gli sportelli obbligatori. Ovvero dotare il cittadino di uno strumento per dialogare in via esclusiva, omogenea, strutturata e semplificata con la pubblica amministrazione.

L’idea di fondo del progetto parte dal presupposto che il Comune è l’ente più vicino alle esigenze delle persone e delle imprese e proprio perché tale deve avere il pieno governo degli strumenti e il contatto con l’utenza, meglio ancora se tali strumenti sono costruiti e gestiti insieme agli altri comuni.

La progressiva crescita del progetto ha incontrato collaborazione operativa e sinergie tra le varie pubbliche amministrazioni, consorzi ed enti gestori di servizi pubblici competenti sul territorio provinciale, a qualunque titolo coinvolte in procedimenti amministrativi orientati sempre più dalla vigente legislazione verso una completa informatizzazione.

Questa ‘rete telematica’ si è naturalmente estesa poi anche a tutti quei soggetti che con la P.A. si relazionano quotidianamente per lavoro (associazioni di categoria, Collegi ed Ordini professionali).

L’obiettivo dichiarato del progetto mira ad una gestione il più possibile centralizzata delle azioni amministrative della P.A. su un ambito territoriale omogeneo, ovvero ad una gestione unitaria delle procedure amministrative e dei relativi dati trattati e destinati alle diverse pubbliche amministrazioni, allineando le diverse modalità operative e garantendo al tempo stesso certezza di tempi nelle risposte al cittadino e all’impresa.